Samantha Heydt, Deconstruction Complicit Complacent

53a.jpeg

Il limite è più vicino di quanto pensiamo, ma l'illusione non ci libererà dalla realtà, anche se la narrativa sostenuta dai tabloid diventa storia e il mito del progresso continua a perpetuare la disuguaglianza. La globalizzazione è andata avanti in modo irregolare e nessuno può dire dove ci stia portando questa "Nuova Frontiera". Man mano che il mondo naturale viene liquidato e sostituito con uno artificiale, il paesaggio sociale diventa sempre più fratturato e alienato. Non più a fuoco, tutte le grandi narrazioni si dissolvono nello spazio della post-storia, poiché la dipendenza tecnologica diminuisce la tangibilità delle nostre esperienze. Il medium ha ingoiato il messaggio. Il nostro tempo è segnato dall'estinzione di massa, dalla diminuzione delle risorse, dalla pandemia globale e dal cambiamento climatico. Mentre i vizi del primo mondo gravano sul terzo, gli scheletri delle vecchie fabbriche fungono da avvertimenti per la crescente disuguaglianza. Il paesaggio silenzioso sintomo di un mondo sfruttato oltre l'uso e sempre più ridotto a un bilancio. La dissidenza politica è soffocata dal rumore bianco dei media, poiché seda la psiche sociale con promesse vuote che propone per il futuro che tronca. Lavorando attraverso diversi media: film, video, installazione, fotografia, scultura, suono e testo, Heydt presenta una proposta astratta per un mondo alla periferia della storia, uno che non solo appare infestato dai fantasmi del passato, ma costruito su di esso . Fondendo tempo e luogo, le sue immagini stratificate si scontrano, si fondono e sconvolgono le relazioni logiche tra gli eventi. Attraverso l'aggiunta e la sottrazione di significato combinando immagini di distruzione con rappresentazioni delle virtù nate dal sogno americano, Heydt confronta la disillusione del nostro tempo con l'incubo ecologico ed esistenziale di cui è responsabile.